Con il trattamento dell’aterosclerosi puoi riuscire ad avere una vita migliore se adotti uno stile di vita sano. Tuttavia, con l’aterosclerosi l’interno delle arterie viene ispessito, indurito e irrigidito, causando il restringimento o la chiusura dello spazio per il flusso sanguigno. Ciò riduce l’apporto di ossigeno ai tessuti locali o distanti.

Il sintomo principale di questa malattia è il dolore, dovuto alla scarsa funzionalità degli organi e le cattive condizioni generali. Le ulteriori conseguenze sono danni ai tessuti, a volte danni acuti a causa dell’arresto del flusso sanguigno causato da un improvviso coagulo di sangue formato nelle aree ristrette.

I meccanismi e le cause dell’aterosclerosi

Le pareti interne delle arterie sono costituite da uno strato più interno di cellule endoteliali (cellule di superficie) e al di sotto di queste vi è uno strato di cellule muscolari lisce. I cambiamenti da aterosclerosi avvengono sotto le cellule endoteliali e in questo strato muscolare. I cambiamenti consistono in:

  • Un certo grado di proliferazione cellulare o tumorale.
  • Accumulo di colesterolo e grasso.
  • Deposizione di sali di calcio.
  • Deposizione di elementi del sangue come la fibrina.

I depositi sono chiamati placca aterosclerotica o ateroma. L’aterosclerosi è una degenerazione delle pareti arteriose che si accumulano nelle arterie. Il nome comune di questa malattia che inspessisce e indurisce le arterie è proprio “arteriosclerosi”. Spesso l’aterosclerosi è anche chiamata solo arteriosclerosi.

Lo sviluppo dell’aterosclerosi inizia probabilmente da un danno nell’endotelio. Questo danno fa sì che il colesterolo e il grasso penetrino nelle pareti dei vasi e vi si depositino. Questo induce anche le cellule a proliferare. Successivamente si depositano anche sali di calcio.

Fattori scatenanti

I fattori che causano il danno endoteliale e quindi l’aterosclerosi sono:

  • Alto contenuto di colesterolo nel sangue.
  • Infiammazione dei vasi sanguigni. Un segno di tale infiammazione è la presenza di una sostanza chiamata proteina c-reattiva.
  • Alto contenuto di grassi nel sangue e soprattutto di grassi saturi.
  • Elevata quantità di agenti ossidanti nel sangue.
  • Pressione sanguigna alta.
  • Alto contenuto di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) nel siero del sangue e basso contenuto di lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) nel sangue. La lipoproteina è una combinazione di una molecola proteica e grasso o colesterolo. Le lipoproteine ​​trasportano il colesterolo o il grasso da un luogo all’altro.
  • Età avanzata.
  • Gli uomini hanno una probabilità leggermente maggiore di contrarre questa condizione rispetto alle donne.
  • Alto contenuto dell’aminoacido omocisteina nel siero del sangue.

Molti di questi fattori sono in definitiva causati da una cattiva alimentazione e dalla mancanza di esercizio quotidiano.

Sintomi e conseguenze dell’aterosclerosi

Poiché l’aterosclerosi può colpire tutte le parti del corpo, i sintomi possono variare. Tuttavia, i sintomi generali delle parti del corpo colpite sono:

  • Prestazioni ridotte,
  • Facilità nel sentirsi stanchi.
  • Dolore da attività fisica, cosiddetto dolore anossico.
  • In caso di grave compromissione del flusso sanguigno, possono verificarsi danni ai tessuti o piaghe.

Quando viene colpito il cuore, i sintomi sono:

  • Cattive condizioni generali.
  • Dolore anossico dal cuore e dall’ambiente dovuto all’attività fisica, chiamato angina pectoris.
  • Sensazione di aver fatica nel respirare o comunque problemi respiratori.

L’aterosclerosi può causare coaguli di sangue che chiudono il flusso sanguigno. Ci sono diversi modi in cui ciò può verificarsi:

  • La placca aterosclerotica può rompersi, provocando una piaga nella parete interna del vaso. In questo caso si crea un coagulo di sangue.
  • Il sangue coagulato in un’area interessata può spostarsi con il flusso sanguigno in un altro luogo e causare altri danni in nuove zone.
  • La placca aterosclerotica stessa può crescere fino a chiudere un vaso sanguigno.
  • Una parte della placca stessa può staccarsi e ostruire un altro vaso sanguigno.

Quando nel cuore avviene un coagulo di sangue, il tessuto cardiaco viene improvvisamente colpito da infarto cardiaco, che causa insufficienza cardiaca improvvisa o morte. Inoltre, quando un coagulo di sangue colpisce il cervello, il tessuto cerebrale viene danneggiato, causando paralisi, diminuzione della coscienza, coma o altri improvvisi disturbi funzionali.

La prevenzione

L’aterosclerosi può essere prevenuta e in una certa misura curata con delle misure che, la maggior parte delle volte, dipendono da miglioramenti dello stile di vita. La prevenzione dell’aterosclerosi può avvenire:

  • Mangiando solo una quantità minima o moderata di grassi.
  • Consumando lo zucchero in modo moderato.
  • Mangiando pesce e poca carne rossa.
  • Consumando una miscela di diversi tipi di grassi insaturi provenienti da fonti come: olio d’oliva, olio di colza, olio di girasole, olio di soia, olio di noci e pesce.
  • Mangiando una buona quantità di frutta e verdura ogni giorno.
  • Fornendo una quantità sufficiente giornaliera di vitamine, minerali e antiossidanti.
  • Consumando sale in modo moderato.
  • Smettendo di fumare.
  • Curando l’ipertensione se le misure relative allo stile di vita non abbassano la pressione sanguigna.
  • Facendo esercizio quotidiano adeguato rispetto alla propria condizione.
  • Eliminando lo stress nella vita quotidiana e sul lavoro.
  • Riposando a sufficienza.

Trattamento dell’aterosclerosi

Il trattamento dell’aterosclerosi può avvenire quando si generano livelli elevati di colesterolo che non si abbassano adeguatamente rispetto alle misure adottate con il nuovo stile di vita. In questo caso possono essere utilizzati farmaci per abbassare il colesterolo, come gli inibitori della HMG-CoA reduttasi.

Con un grave restringimento locale di un’arteria, a volte viene eseguito un intervento chirurgico per pulire o allargare l’arteria. A volte l’arteria viene sostituita da un innesto prelevato da un’altra parte del corpo o da un vaso artificiale. Quando questo viene fatto nel cuore, è indicato come intervento chirurgico di bypass.

Un trattamento alternativo per pulire le arterie è un’opzione da non sottovalutare in caso di problemi gravi di questo genere. Esiste ad esempio un trattamento che consiste nell’utilizzare la sostanza EDTA per trasportare i costituenti della placca lontano dalle arterie. Le molecole di questa sostanza hanno la capacità di aggrapparsi ad altre molecole, tipo le molecole di colesterolo, e di portarle via. Esiste tuttavia, una polemica sull’efficacia di questo trattamento, chiamato terapia chelante, che genera non poca discussione.