Tra le poesie d’amore di Shakespeare, una delle più famose di sempre è il sonetto 130. È una poesia d’amore che, quando la leggi per la prima volta, ti sembra essere davvero strana. Infatti, mostra Shakespeare apparentemente con menti contrastanti sulla sua amante (la dark lady). Le altre poesie che scrive il grande poeta inglese sono descrittive. Sono tutte paragonabili al modo in cui descrive la bella giovinezza nel sonetto 18. Tuttavia, è davvero una satira in natura e ci sono sfaccettature intelligenti in questa poesia. Dice che l’amante ha molte cattive qualità, alito cattivo, capelli crespi, carnagione spenta. Ma alla fine, nonostante tutto, lo scrittore la ama ancora.

Prima quartina del sonetto 130 (poesie d’amore di Shakespeare)

Immediatamente il tono è impostato, e lo scrittore paragona l’amante al sole (confronta con “carnagione dorata” della bella giovinezza nel sonetto 18). Nelle righe successive, sembra che la critica o addirittura la deride. Sembra quasi che lo scrittore confessa di avere pietà dell’amante e si vergogna quasi di essere con lei.

Lo scrittore dice che “i suoi seni sono scuri” mostrando che la sua pelle è scura e opaca. Infatti, per i canoni di bellezza, la pelle bianca era percepita come bella all’epoca. Descrive i suoi capelli come fili neri e ancora una volta i capelli neri erano visti come comuni e non belli. Questa prima quartina è strana e sembra avere una certa mancanza di emozione.

Seconda quartina (poesie d’amore di Shakespeare)

Lo scrittore continua a criticarla, dicendo che non ha colore sulle guance e che il suo alito ha un cattivo odore. Le sue poesie continuano a suonare vuote e tristi. A questo punto non sappiamo ancora dove ci conduce questa poesia. Tuttavia, la prossima quartina rivela tutto.

Terza quartina (poesie d’amore di Shakespeare)

La terza quartina si apre con “Mi piace sentirla parlare”. Questo è tipico dello stile di Shakespeare cambiare completamente il tono all’inizio di una quartina. “Mi piace sentirla parlare” è un complimento onesto e potrebbe iniziare a trasmettere l’idea che, nonostante tutti i suoi difetti esteriori, è la bellezza interiore dell’amante che lo scrittore ama.

Tuttavia la riga successiva sembra tornare ad essere derisoria e dura. “Ma la musica ha un suono più gradevole”. Ci lascia chiedendoci perché sia tornato così improvvisamente ad essere negativo nei confronti della padrona. Le prossime 2 righe sembrano dire “la mia padrona non è una dea”.

Ma per capirlo dobbiamo capire i poeti contemporanei dell’epoca, ad esempio Thomas Watson, Michael Drayton e Barnabe Barnes. Hanno scritto tutti sonetti esagerati, altamente romanzati, con molte descrizioni elaborate e non erano davvero onesti.

Invece, nel sonetto 130, Shakespeare ha dato una descrizione onesta. Lo scrittore sta dicendo ciò che veramente vede e sente dell’amante. Questo è completamente diverso dal sonetto 18 in cui lo scrittore sembra indossare occhiali colorati di rosa e descrive la “bella giovinezza” con ogni sorta di aggettivi descrittivi.

Shakespeare, inoltre, fa satira e quasi si prende gioco dei suoi scrittori contemporanei. Pensa che sono sciocchi essendo sempre così sopra le righe ed elaborati (un po’ come i media oggigiorno sensazionalizzano tutte le loro storie), e li censura per la loro disonestà.

Le persone non vogliono essere inquadrate con qualità che in realtà non hanno. Se hai la pelle abbronzata, non vuoi ricevere complimenti su quanto sia bianca e chiara la tua pelle, ma forse vuoi essere considerato, nonostante tutto, in un modo come “Wow, la tua pelle ha una bella sfumatura di caramello”. Qui, sebbene lo scrittore sembra a volte criticare l’amante, la sta davvero descrivendo con le qualità che ha davvero.

Rima finale

Lo scrittore conclude la poesia con una confessione d’amore. Nonostante tutte le sue strane qualità che ha elencato prima nella poesia, la ama ancora. È interessante notare che nell’inglese shakespeariano la parola “belied” può significare “falsamente rappresentata e anche sessualmente montata”. Poiché l’intera poesia è una satira, Shakespeare potrebbe accusare sottilmente i suoi poeti rivali di coercizione, usando parole lusinghiere per portare a letto le loro amanti.

Il sonetto 130 è una delle poesie d’amore di Shakespeare più intelligenti. È interessante vedere tutte le diverse sfaccettature della poesia di Shakespeare e questa poesia può essere interpretata in 2 modi. Puoi confrontarla con la semplice descrizione del Sonetto 18.

https://volandosuilibri.it/