Le reazioni allergiche si verificano nella maggior parte delle persone in una forma o nell’altra. Ma tra i tipi più comuni ci sono le allergie alimentari, che causano reazioni avverse al sistema immunitario quando si ingerisce una certa proteina alimentare. Queste allergie possono essere dovute a semplici alimenti come noccioline o persino gamberetti, ma il principio di base delle reazioni è lo stesso.

Come reagisce il corpo agli allergeni negli alimenti

Quanto reagirà il corpo quando è esposto a un allergene alimentare varia da una lieve irritazione all’anafilassi, che ha l’intero corpo che reagisce all’allergene e può persino causare la morte. Purtroppo, a seconda della gravità della tua allergia, la reazione agli allergeni alimentari può verificarsi da poche ore fino a pochi secondi dopo l’ingestione del cibo contenente l’allergene.

In alcuni tipi di reazioni, può essere che ci sia solo un leggero gonfiore dei tessuti, al massimo pruriginoso e irritante. Naturalmente, il gonfiore varia. Quindi può anche causare ostruzione nel tratto aereo e causare difficoltà respiratorie.

Allergie alimentari e allergeni comuni

In oltre il novanta per cento di tutte le cause di reazioni allergiche, gli allergeni alimentari più comuni hanno la maggior parte dell’attenzione dedicata alle allergie alimentari. Si suddividono in 14 tipologie di allergeni principali. Sostanzialmente è abbastanza comune che una persona che ha una reazione allergica a questi allergeni alimentari deve cercare di stare lontano il più possibile da loro per evitare di doversi sottoporre a cure.

Ad esempio, essere allergici al latte è abbastanza comune, così come le arachidi, le uova, la soia e il grano, per citarne alcuni. Questi prodotti si trovano nei prodotti alimentari che consumiamo tutti i giorni. Dunque, una persona allergica a questi alimenti deve prestare molta attenzione a ciò che sta mangiando per evitare di avere una reazione allergica.

Anche i frutti di mare e i crostacei sono abbastanza comuni, anche se, naturalmente, è più facile individuarli tra i tanti prodotti alimentari nell’ambiente quotidiano.

Diagnosi, test e trattamento

Se sospetti di essere allergico a un determinato prodotto alimentare, è meglio consultare un allergologo esperto. Il tuo medico deve essere in grado di guidarti in questo problema e consigliarti qualcuno a cui puoi rivolgerti. Il tuo dottore può condurre test per vedere a quale tipo di materiale sei allergico.

Un metodo di test comune è il test cutaneo per vedere se una persona è allergica ai mezzi esposti sotto la pelle. Un altro è la diagnosi del test del sangue per un altro tipo di allergene.

Il tipo di test finale è quello di eseguire un test alla cieca per vedere se il paziente è allergico all’allergene reale oppure a un placebo. Questo è di solito condotto in ambiente ospedaliero dove i pazienti possono essere trattati rapidamente se la loro reazione diventa grave.

Una volta che un paziente è stato identificato come avente una reazione allergica ai prodotti alimentari, a questo punto possono essere prese diverse soluzioni per generare un tipo di trattamento idoneo.

Non c’è cura se sei allergico a una certa proteina alimentare. Inoltre, la maggior parte dei medici concorda sul fatto che le iniezioni oppure i colpi di allergia non funzionano per le allergie alimentari.

Il metodo più sicuro per il trattamento delle allergie alimentari è quello di evitare i cibi che causano tali allergie. Dunque, devi solo imparare in quale cibo è presente il tuo allergene ed evitarlo.

In caso di ingestione accidentale, l’adrenalina può essere somministrata per stabilizzare il sistema del paziente. Prima di trovarti in questa situazione, però, è meglio assicurarti di sapere esattamente cosa fare prima che si verifichi una reazione grave.